Giovanni Ronzoni

S C H I A V O   della   L I B E R T A’ [1]

Giovanni Ronzoni nasce a Lissone (Monza Brianza) nel 1952.

Si laurea in Architettura al Politecnico di Milano.

E' titolare di uno studio professionale di architettura, ha firmato numerosi progetti privati e pubblici.

Negli anni ha sviluppato sempre più il suo lato artistico e si è avvicinato ad altre discipline come la grafica, la fotografia, la pittura, la scultura e la poesia.

Giovanni Ronzoni utilizza i vari linguaggi espressivi e li piega al suo volere per portare avanti una ricerca artistica in cui tutti questi linguaggi diventano sintesi per dare forma e voce al suo pensiero.

A gennaio 2020 diviene Co-Fondatore di WikiPoesia.

Nel 2021 viene nominato Ambasciatore Onorario per l'Italia della Unión Mundial de poetas por la paz y la libertad.[2]

Architettura e Design

 
Premio per il Design

Nel 1980 fonda lo Studio Ronzoni.

Il suo segno distintivo del progetto, da sempre provocatorio e teso alla poetica, è l’essenzialità, che si traduce nella realizzazione di spazi concepiti per sottrazione e silenzio. Il bianco, la luce e il vuoto ospitano arredi minimali in pezzi unici su disegno, alla ricerca di un linguaggio estremizzato, caratterizzato da un’atmosfera che si carica armoniosamente di tensioni e profonda spiritualità. 

Lo Studio Ronzoni ha firmato ville ed edifici residenziali e commerciali, di matrice minimalista, concept e realizzazioni di prestigiosi stores_sistema moda nei centri storici di Milano, Monza, Perugia e Fukuoka (JP), restyling di palazzi storici e di svariati appartamenti residenziali in Italia, curando anche  l’ architettura degli interni.

Nel Design ha collaborato con note aziende italiane firmando diversi progetti, ed a volte vestendo il ruolo di Direzione Artistica. Parallelamente si occupa di Urbanistica e Paesaggio.

Nel 2018 riceve il Premio Truciolo d'Oro da Confartigianato Imprese Lissone firmato dal Sindaco di Lissone (Concettina Monguzzi).[3]

Poetica

Dal 2017 si è avvicinato alla poesia, imprimendo una cifra stilistica unica che gli ha valso già numerosi riconoscimenti Nazionali ed Internazionali. Diverse sono le editazioni delle sue raccolte poetiche. I suoi componimenti poetici e i libri d’artista sono poesie visive dove la forma è tutt’uno con il contenuto, dove la grafica si sposa con la parola enfatizzandola e rendendola fruibile anche visivamente. Giovanni Ronzoni racchiude in pochi ma ben precisi temi la sua poetica: vita/morte, nascita/rinascita, passione/emozione.

Nell’ottobre 2019 viene editata la sua prima Monografia: “L’ Arte per Sottrazione” Edizioni I QUADERNI DEL BARDO, dove vengono “raccontate” tutte le varie discipline da lui affrontate, a cura di Donato Di Poce.[4]

Nel 2020 gli viene conferito il premio alla carriera "Alda Merini" in seno al Premio Nazionale di Poesia e Narrativa "Alda Merini".[5]

Impegno Culturale

Presidente del Premio di Poesia Isola d’Elba "Ascoltando i Silenzi del Mare". 2018

Direttore Artistico: Premio Internazionale di Letteratura Ca'Dura. 2019

Membro di giuria: Premio Letterario La Città Della Rosa. 2020

Membro di giuria: Premio Poetico Nazionale Amici di Ron. 2020

Membro di Giuria: Premio Internazionale di Letteratura per troppa vita che ho nel sangue "Antonia Pozzi" Pasturo. 2021

Premi (elenco parziale, primi posti)

Anno 2019

Premio Letterario La Ginestra Firenze. Sezione Poesia con le opere presentate insieme:

Premio Poetico Nazionale Amici di Ron. Sezione Verbo-Immagine con l'opera:

Premio “Ti meriti un amore”. Sezione Poesia Inedita con l'opera:

Anno 2020

Premio Solstizio d’Estate – San Giovanni Valdarno. Sezione silloge con le opere presentate insieme:

Premio Dai Monti ai Laghi. Sezione Poesia edita con l'opera S P I R I T ­- EDIZIONI SETTEPONTI 2020 (Prefazione Lia Bronzi - Postfazione Prof. Francesco D'Episcopo)[6]

Anno 2021

Premio Internazionale di Letteratura e Poesia - Dante: La Divina Commedia. Sezione Poesia ispirata alla poesia d'amore in Dante Alighieri riferito ad esperienze personali ed anche alla contemporaneità, silloge inedita da 1 a 5 poesie.

Premio Internacional de Poesia Inédita Galaxia. Sezione Poesia in lingua straniera, con l'opera “ahimsa”

Libri

  • E - Parole sparse, Edizioni Helicon, 2019 (prefazione prof. Francesco D'Episcopo).[7][8][9][10][11][12]
  • S P I R I T ­- EDIZIONI SETTEPONTI, 2020 (Prefazione Lia Bronzi - Postfazione Prof. Francesco D'Episcopo)[13][6][14][15]
  • SILENZI SCRITTI - SILENCIOS ESCRITOS, 2020 - I Quaderni del Bardo edizioni - Aforismi/Aforismos _ Antologia Bilingue Italiano Spagnolo - 7 Aforisti italiani 7 Aforisti Messicani a cura di Hiram Barrios.[16]

Antologie

  • ANTOLOGIE,  inserito in più di dieci Antologie come Premi di Concorsi Letterari.

Curatele

 
Copertina Catalogo della Mostra

“Lavorare non è una punizione, lavorare è respirare! Respirare è una funzione straordinariamente regolare: né troppo rapida, né troppo lenta, ma costante.”   Le Corbusier (1960)

Nel 2003 ha ideato, curato e progettato la grande mostra (dal 23 marzo al 15 giugno 2003) "Le Corbusier Pittore Scultore Designer" al MAC (Museo d’Arte Contemporanea) di Lissone (MB) in collaborazione con l’ Assessorato alla Cultura del Comune di Lissone e con la Fondation Le Corbusier di Parigi[17][18]

  •  
    Codice SIAE - Testo di Giovanni Ronzoni

    Testo: “Le Corbusier Pittore Scultore Designer”, Giovanni Ronzoni (tratto dal catalogo ufficiale della Mostra)[19]

  • La prima sezione che interessa gli anni tra il 1918 ed il 1928 offre il momento “Purista”, proponendo all’interno dei dipinti relazioni di alcuni oggetti di prima produzione industriale legati alla vita quotidiana quali: bottiglie, bicchieri, ciotole, piatti, brocche, violini, pipe, caffettiere, dadi… Oggetti che furono presenti anche nella ricerca cubista, ma in questo caso trattati in modo da ottenere “una creazione pittorica che trae dall’oggetto-tema le sue proprietà organiche; il suo scopo è di materializzare l’oggetto in tutta la sua generalità ed invariabilità… E’ una creazione tanto plastica quanto lirica la quale organizza in un sistema plastico le proprietà fisiche costanti ed essenziali delle cose”. (Ozenfant – Jeanneret, Les Idees D’Esprit Nouveau, “L’Espirit Nouveau”, n.15). La seconda sezione occupa gli anni tra il 1928 ed il 1940, periodo intitolato “Objets à Réaction Poetique”, passionale, quasi violento ed ossessivo studio di nudi femminili intrecciati dalle mani, che assumeranno sempre più valenze simboliche. Nella geometrica maglia di struttura spaziale si scompongono i volumi, radici, ossa, sassi, forme organiche. Oggetti trovati entrano ad essere attivi plasticismi portandoli da semplici elementi vissuti e plasmati dalla forza della natura ad oggetti di grande potenzialità poetica. La gamma cromatica è mutata dal primo periodo ed il chiarore invade le tele con progressione e distensione. La figura femminile, le mani, gli oggetti a reazione poetica, coinvolgono la sua ricerca pittorica tanto da scrivere: “Noi uomini e donne proiettati nella vita ci agitiamo nelle nostre sensibilità...Mai passivi e disattenti: ci agitiamo e di conseguenza: partecipiamo. Partecipiamo, misuriamo, apprezziamo. Felici in questa cosa “in presa diretta” con la natura che ci parla di forza, purezza e diversità”. La seconda sezione è completata da una serie di disegni rappresentanti le “donne mediterranee” in riferimento alle esperienze vissute negli anni ’30 in terre del nord Africa e della bassa Spagna.Tra il 1940 e il 1965 si situa la terza sezione della mostra definita “Ozon-Ubu-Tori”: vi sono rappresentati “i Tori e le Icone” con un certo influsso surreale. Immagini maturate nel piccolo paese di “Ozon” nei Pirenei dove l’artista si rifugiò durante il secondo conflitto mondiale nel 1940.  I colori si fanno più densi, persino violenti, i piani si tagliano a vicenda e si sovrappongono, gli oggetti ed i corpi si deformano in una trasposizione di sogno e immaginazione. Nella sezione “Le sculture plastiche acustiche” sono esposte nove opere lignee sia nei loro colori naturali che policromi, che nascono dalla stretta collaborazione tra Le Corbusier e Joseph  Savina, ebanista bretone con il quale il Maestro aveva precedentemente collaborato per la realizzazione di mobili.

(omissis)

Recensioni

  • E-book gratuito scaricabile su Amazon[20]
  • [dalla prefazione al libro E- Parole sparse, Edizioni Helicon, 2019 - a cura del prof. Francesco D'Episcopo]

"E è forse la congiunzione più congiuntiva che io conosca e si congiunge strettamente alla poesia serialmente congiuntiva di Giovanni Ronzoni, il quale, da colto architetto, adoratore de Le Corbusier, ben sa che i materiali, sia poetici che architettonici, vanno accuratamente scelti ed assemblati secondo partiture armonicamente continuative e mai sospensive. Si vuol dire che il discorso può continuare all’infinito, anche se la vita con le sue incalzanti esigenze costringe a sospenderlo sulla soglia dell’infinito. Giovanni Ronzoni è un personaggio sicuramente singolare nel panorama, sempre più complesso e confuso, della poesia contemporanea, che da sperimentale si è fatta visiva e molto altro. Non ha letto molti libri. Ma non era Foscolo a sostenere che allo scrittore sono sufficienti, a volte, pochi libri, letti ma soprattutto assimilati fin nell’intimo del proprio Io? Per Ronzoni è così, ma ovviamente non basta, perché egli è una sorta di animale creativo, che abita casualmente le varie dimore della poesia, prestando però esclusiva ed estrema attenzione alla propria creatività, assolutamente naturale, mai artificiale". F. D'Episcopo

  • [dalla Prefazione al libro S P I R I T - EDIZIONI SETTEPONTI - 2020 - a cura di Lia Bronzi]

"Il poeta Giovanni Ronzoni, nella raccolta "S P I R I T  Poesie e bianche lettere", propone una sperimentazione che realizza con un'attenta metodologia tecnica di architettura letteraria, dal gusto creativo ed elegante, nella quale una versificazione semiotica ha carattere di divertissement come si può constatare nella poesia dal titolo "Et", neologismo realistico ma anche di nuova visione poetica, nel quale è presente lo sfondo metafisico e psicologico, che fa convergere varie problematiche esistenziali, secondo un'incessante ricerca del senso della vita, e che va a realizzare un viaggio avanti e indietro nel tempo, come confermato nella lirica "AFTER_LIFE" con versi che recitano: «Ora parto da dove sono arrivato/ la valigia ricca di soli ricordi/ onde di sabbia/ tracce di chi prima era passato/ rischiai non le seguii/ presi altra vergine rotta... », tutto un flusso di vita proveniente, ab imis, dal mondo reale e da una personalità sensibile, che cerca anche talora in modo scorrevole e surreale nella speranza di poter sollevare il velo di Iside, contenente nascoste speranze, vicino o lontane, al fine di realizzare: "luce nelle ombre", ricche di spiritualità comunque. Impossibile non pensare ai buchi neri, dei quali si parla tanto ancora oggi, definendoli "orizzonte degli eventi" e aventi sullo sfondo un buco bianco dove l'uomo, in un tempo forse non lontano, potrebbe trovare molte risposte sul proprio destino.

Ed è proprio questa ricerca che il poeta, percorre sempre, nel suo volare alto, anche con le parole, con versi talora sublimi, altre volte più ossimorici, oppure dolcissimi come nella lirica dedicata alla nipotina, che nell'incipit testualmente recita: «Leggimi dalle tue azzurre pupille/ cosa fai?/ Vuoi che ti spinga sulla Luna? Boccoli d'oro sono vento sul tuo viso... », che il poeta firma affettuosamente: "nonno Giò".

Mentre per Francesca scrive versi che sono esaltazione della femminilità, poiché alcuni dei quali recitano: « ...hai donato una nuova vita...» e tanto basta per esaltare le doti positive dell'archetipo femminile che dona alla donna la facoltà di replicare la vita. Possiamo quindi affermare che il poeta compie un viaggio per dare risposte ai dubbi che l'assillano, ma anche per comprendere la vita che non è solo bianco e nero, ma qualcosa di più umano, aperto e tollerante, per vedere il visibile e l'invisibile, come si evince dalla lunga lirica "Amare diverso", per realizzare un'umanità migliore che esca dal magma indistinto della stessa vita. Sarà necessario inoltre evidenziare quanto il poeta si esprima in modo originale, infatti sul bordo di diverse pagine esistono scritte bianche in verticale su fondo nero, poiché esiste un'ideale capitello sul quale apporre le diciture in forma aforistica, ne citeremo ad esempio le

prime parole, poste proprio agli inizi della raccolta, che recitano: «schiavo della libertà».

Ad una personalità senza preconcetti, come quella del poeta Giovanni Ronzoni, inneggiare positivamente alla libertà, anche se in forma ossimorica, sia una priorità assoluta. Tutte forme atte ad ampliare anche filosoficamente la raccolta, con forme sapienziali e sintetiche, tali da rendere le scritte reali proposte letterarie per i lettori di oggi. Un insieme dunque, questo testo, diverso da molti altri, e non solo per forma, ma anche per contenuti. In tal senso moderno e leggibile, come nuova proposta per i lettori amanti della poesia". Lia Bronzi

Collegamenti esterni

STUDIO Atelier_ARCHITETTO GIOVANNI RONZONI_via Vittorio Bottego_20_20851 Lissone MB_ITALY

official site: https://giovannironzoni.dantebus.com

link I : http://www.houzz.it/projects/users/studioronzoni

link II: https://www.lazzarogallery.it

link III : http://www.arcgallery.it

link IV : http://bellemurartproject.com

link V : http://fabbricavernici.blogspot.it/

Social

Biografia in Inglese

Note

  1. Incipit a cura di Giovanni Ronzoni.
  2. https://www.facebook.com/groups/390038921787102/permalink/838171316973858/
  3. https://vimeo.com/382303008 https://giornaledimonza.it/attualita/confartigianato-premia-le-eccellenze-del-territorio-le-foto/
  4. https://www.amazon.it/Giovanni-Ronzoni-sottrazione-Donato-Poce/dp/169849338X
  5. Giuria composta da Mina Rusconi, Claudio Sara, Lietta Morsiani, Alessia Sorgato, Hafez Haidar con la Presidenza Onoraria di Emanuela Carniti Merini, Presidenza esecutiva di Rodolfo Vettorello e Marina Pratici, e Presidente del Premio Melina Gennuso.
  6. 6,0 6,1 http://edizionisetteponti.it/prodotto/spirit-poesie-e-bianche-lettere-di-giovanni-ronzoni/
  7. ISBN 9788864666426
  8. http://www.edizionihelicon.it/index.php?page=shop.product_details&category_id=3&flypage=flypage.tpl&product_id=1155&option=com_virtuemart&Itemid=2&vmcchk=1&Itemid=2
  9. https://www.mondadoristore.it/E-Parole-sparse-Giovanni-Ronzoni/eai978886466642/
  10. https://www.hoepli.it/libro/e-parole-sparse/9788864666426.html?origin=trovaprezzi
  11. https://www.hoepli.it/libro/e-parole-sparse/9788864666426.html?origin=trovaprezzi
  12. https://www.ebay.it/itm/362775770820
  13. ISBN 9788831396257
  14. https://www.lafeltrinelli.it/libri/giovanni-ronzoni/spirit-poesie-e-bianche-lettere/9788831396257?awaid=9507&gclid=EAIaIQobChMInJfYk8bt7gIVzN_tCh05xwgJEAYYASABEgK_PPD_BwE&awc=9507_1613449069_2c2c7e8f2a78a2838a7815c944f3b609
  15. https://books.google.it/books?id=ZJXbzQEACAAJ&dq=giovanni+ronzoni&hl=it&sa=X&ved=2ahUKEwiO79afxO3uAhVMzRoKHckgBvIQ6AEwAnoECAEQAg
  16. https://www.amazon.it/dp/B08BDT9B66/ref=sr_1_1?__mk_it_IT=ÅMÅŽÕÑ&dchild=1&keywords=i+quaderni+del+bardo+edizioni+per+amazon&qid=1592896312&s=books&sr=1-1
  17. http://www.comune.lissone.mb.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/100 http://www.comune.lissone.mi.it/lecorbusier/mostra. http://www.giovaniartisti.it/articoli/le-corbusier-pittore http://www.swissinfo.ch/ita/le-corbusier-pittore--scultore-e-designer/3228764 http://www.exibart.com/milano/fino-al-15-vi-2003-le-corbusier-pittore-scultore-designer-lissone-mi-gam/amp/ http://www.bta.it/txt/a0/03/bta00367.html http://www.domusweb.it/it/arte/2003/03/25/le-corbusier-non-solo-architetto.html
  18. Watch Giovanni Ronzoni | Mostra LE CORBUSIER PITTORE SCULTORE DESIGNER | MAC_Museo di Arte Contemporanea Lissone (MB) 2003 [Produzione video: ATELIER SPAZIO GALLERIA_Giovanni Ronzoni]  Vimeo Watch Giovanni Ronzoni | Mostra LE CORBUSIER PITTORE SCULTORE DESIGNER | MAC_Museo di Arte Contemporanea Lissone (MB) 2003 [Produzione video: SPAZIO 99 _ Paolo Gagliardi]  Vimeo
  19. CODICE SIAE DD 38786942 - S 00000744
  20. https://www.amazon.it/GIOVANNI-RONZONI-Sottrazione-Donato-Poce-ebook/dp/B07KSKGNZX