Se non parola ultima

Da WikiPoesia.
Jump to navigation Jump to search

di Bruno Centomo

Se non parola ultima

Cosa sono io, se non la parola ultima?
Ma non la fine di un discorso, un amore terminato,
o la qualsivoglia morte per una attesa,
un rimprovero, un clamore remoto, un fuoco.
Piuttosto la finzione di un lamento,
a malapena strappato dall’oscurità
in cui rifugiano pensieri e cieli e foglie,
color degli occhi. Stanchezza che diviene
persino dolcezza, azzurro che si libera
e leva coprendo di merletti e velluti
ogni ferita, curando il male, tamponando il sangue.

Cosa sono, se non ultima parola?
Facile vantarmi, raccontando che mi libro nell’aria
come aquila in picchiata, quando a malapena
zampetto scioccamente in cerca di briciole
come fanno i passeri rumorosi ad ogni squittio di sole.

                        

Premi

  • Concorso “Colfosco” 2017
  • Concorso "Pavesi” 2018

Note