Rivista "Euterpe"

Da WikiPoesia.
Jump to navigation Jump to search

La Rivista "Euterpe" è stata fondata nel 2011 dallo scrittore e critico letterario Lorenzo Spurio.[1]

Si tratta di una rivista letteraria digitale e gratuita. Essa ha cadenza aperiodica e in quanto tale non è da considerarsi come un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 07-03-2001. Il nome della rivista è tratto dalla figura di una divinità greca connessa alla musica, alla lirica. Precedentemente denominata come rivista di letteratura, dal 2019 è contraddistinta dalla denominazione di rivista di poesia e critica letteraria. Nel Marzo 2016 è stata accolta in seno alle varie attività che vengono condotte dall’omonima Associazione Culturale Euterpe di Jesi (AN).

Caratteristiche

Le rubriche storiche della rivista, che sono state sempre presenti dalla sua fondazione, sono quelle di poesia e critica letteraria. Quest’ultima contempla la saggistica, gli articoli e le recensioni di libro. Nel corso dei vari numeri si sono tenute, alcune per brevissimo tempo, anche altre rubriche aventi per oggetto gli altri generi letterari: la narrativa breve, la critica d’arte, lo haiku, etc.

Si collabora alla selezione di testi per la costruzione del nuovo numero della rivista, proponendo opere esclusivamente inedite, preferendo quelle che abbiano attinenza con il tema proposto, seguendo le norme redazionali illustrate sul sito.

Redazione

All’atto della nascita della rivista (Ottobre 2011) e sino al n°8 (Giugno 2013) compreso essa è stata gestita da Lorenzo Spurio che l’ha ideata (Direttore), da Monica Fantaci (Vice Direttore) e Massimo Acciai (Coordinatore ufficiale).

Dal n°9 (Ottobre 2013) fino al n°25 (novembre 2017) la rivista, mantenendo la direzione, è stata strutturata in rubriche curate da vari redattori. Per la rubrica poesia: Marzia Carocci, Annamaria Pecoraro e Cristina Lania; per la rubrica narrativa breve: Martino Ciano e Luigi Pio Carmina; per la rubrica saggio-articolo: Francesco Martillotto e Angela Crucitti; per la rubrica recensione: Lorenzo Spurio e Sara Rota. Dal n°17 (Ottobre 2015) si aggiunse anche la rubrica di interviste curata da Valentina Meloni.

Una ristrutturazione della redazione della rivista si è avuta a partire dal n°26 (Aprile 2018), rimasta in vigore fino al n°27 (Agosto 2018) compreso. Per la rubrica di poesia: Emanuele Marcuccio, Michela Zanarella, Cristina Lania, Alessandra Prospero; per la rubrica di aforismi: Emanuele Marcuccio; per la rubrica di haiku: Valentina Meloni; per la rubrica di narrativa breve: Luigi Pio Carmina, Martino Ciano, Lorena Marcelli; per la rubrica di critica letteraria: Francesco Martillotto, Antonio Melillo, Lucia Bonanni, Francesca Luzzio; per la rubrica di critica d’arte: Valtero Curzi; per la rubrica di recensioni: Laura Vargiu, Alessandra Prospero; per la rubrica d’interviste: Valentina Meloni.

Una nuova ristrutturazione e semplificazione della redazione si è avuta a partire dal n°28 (Febbraio 2019) e tale schema è ancora in vigore: Per la rubrica poesia: Emanuele Marcuccio, Michela Zanarella, Cristina Lania, Luigi Pio Carmina; per la rubrica critica letteraria: Francesco Martillotto, Lucia Bonanni, Francesca Luzzio, Valtero Curzi; per la rubrica recensioni: Laura Vargiu. La direzione della rivista, dalla nascita ad oggi, è dell’ideatore della stessa, Lorenzo Spurio.

Tematiche dei numeri

- Numero 29 – I drammi dei popoli in letteratura, genocidi, guerre dimenticate, questioni irrisolte, rivendicazioni e speranze deluse

- Numero 28 – Musica e letteratura: influenze e contaminazioni

- Numero 27 – Il coraggio delle donne: profili ed esperienze femminili nella letteratura, storia e arte

- Numero 26 – Emigrazione: sradicamento e disadattamento

- Numero 25 – Autori internazionali e la loro influenza nella letteratura italiana

- Numero 24 – La cultura ai tempi dei social networks

- Numero 23 – La scrittura teatrale e i suoi interpreti

- Numero 22 – La storia come testimonianza

- Numero 21 – L’apparenza e la verità

- Numero 20 – Assenze e mancanze

- Numero 19 – L’impegno civile: la letteratura impegnata

- Numero 18 – Sesso e seduzione nella letteratura

- Numero 17 – Quando l’arte diventa edonismo

- Numero 16 – Alterità nelle sue varie forme

- Numero 15 – Echi e immagini del passato

- Numero 14 – Diritti mancati di questa società

- Numero 13 – Detti, dialetti e folklore locale

- Numero 12 – La natura è in pericolo!

- Numero 11 – Viaggi reali e viaggi fantastici

- Numero 10 – Forme di consenso e di dissenso

- Numero 9 – Disagio psichico e sociale

- Numero 8 – Panta Rei: tutto scorre

- Numero 7 – La città

- Numero 6 – L’intercultura

- Numero 5 – Potere e povertà: gli squilibri insanabili

- Numero 4 – Flutti, burrasche e derive: la bellezza e il mistero del mare

- Numero 3 – Metamorfosi, trasformazioni e travestimenti: la doppiezza dell’essere

- Numero 2 – L’erotismo, tra passione e lussuria

- Numero 1 – Il sogno: tra fantastico e proiezione del vissuto

Contributi di autori

Nel corso degli anni hanno scritto sulla rivista circa 450 autori (ad agosto 2019). Tra di loro, intellettuali di spicco del panorama letterario nazionale e non solo tra i quali Mariella Bettarini, Donatella Bisutti, Franco Buffoni, Corrado Calabrò, Carmelo Consoli, Asmae Dachan, Neria De Giovanni, Anna Manna, Cinzia Demi, Amedeo Di Sora, Ninnj Di Stefano Busà, Alessandro Fo, Rosa Elisa Giangoia, Tomaso Kemeny, Giuseppe Langella, Giorgio Linguaglossa, Dante Maffia, Gianni Milano, Guido Oldani, Elio Pagliarani, Giuseppe Panella, Nazario Pardini, Plinio Perilli, Ugo Piscopo, Paolo Ragni, Silvio Ramat, Nicola Romano, Paolo Ruffilli, Marco Scalabrino, Maurizio Soldini, Antonio Spagnuolo, Marcia Theophilo, Rodolfo Vettorello, Umberto Vicaretti, Giovanna Cristina Vivinetto, Guido Zavanone, Lucio Zinna.

Sul sito è presente l’archivio storico, che viene di volta in volta aggiornato, e che contiene tutta la lista delle opere pubblicate, per titolo, suddivise per autore.

Collegamenti esterni

https://associazioneeuterpe.com/rivista-di-letteratura-euterpe/

Note


  1. ISSN 2280-8108