Differenze tra le versioni di "Livia De Pietro"

Da WikiPoesia.
Jump to navigation Jump to search
Riga 41: Riga 41:
 
Membro effettivo della giuria del premio “Biblioteche di Roma”.
 
Membro effettivo della giuria del premio “Biblioteche di Roma”.
  
== Curatele ==
+
==Curatele==
  
* Nel 1989 ha curato l’antologia di poeti e narratori contemporanei (I e II volume) Edi Press.
+
*Nel 1989 ha curato l’antologia di poeti e narratori contemporanei (I e II volume) Edi Press.
* Curatrice della collana di libri “ Semplicemente M.A.R.E.L.”
+
*Curatrice della collana di libri “ Semplicemente M.A.R.E.L.”
* Collabora con diverse case editrici per redigere la prefazione a libri di poesia editi dalle stesse.
+
*Collabora con diverse case editrici per redigere la prefazione a libri di poesia editi dalle stesse.
  
== Libri ==
+
==Libri==
  
* Il libro di poesie “Pulviscolo” con prefazione di Ada Capuana, presentato al teatro “Quirino” ha ricevuto numerosi riconoscimenti
+
*Il libro di poesie “Pulviscolo” con prefazione di Ada Capuana, presentato al teatro “Quirino” ha ricevuto numerosi riconoscimenti
* Il libro “Ora che non ci sei più” in prosa e con una raccolta di poesie, dedicato alla memoria della figlia Mariella, è stato accolto dal Museo diaristico nazionale
+
*Il libro “Ora che non ci sei più” in prosa e con una raccolta di poesie, dedicato alla memoria della figlia Mariella, è stato accolto dal Museo diaristico nazionale
  
 
==Premi (elenco parziale, primi posti)==
 
==Premi (elenco parziale, primi posti)==
 
'''2006'''  
 
'''2006'''  
  
* Concorso di Poesia indetto dal coordinamento donne dell’VIII Municipio “A sessant’anni dal voto alle donne” con la poesia “Donna”
+
*Concorso di Poesia indetto dal coordinamento donne dell’VIII Municipio “A sessant’anni dal voto alle donne” con la poesia “Donna”
  
 +
== Poesie pubblicate su WikiPoesia ==
 +
'''Donna'''
 +
 +
Negli occhi la speranza
 +
 +
che illumina il tuo volto
 +
 +
nel buio d’una stanza
 +
 +
di un passato di paure
 +
 +
che ti volle sempre sola,
 +
 +
sempre schiava
 +
 +
d’un Dio, che era uomo.
 +
 +
Donna
 +
 +
in cammino su questa terra
 +
 +
col tuo pesante fardello
 +
 +
dove indifferenza
 +
 +
discriminazione, oppressione
 +
 +
hanno solcato il tuo destino
 +
 +
nel tracciato  della renitente vita.
 +
 +
Donna
 +
 +
che doni il tuo cuore
 +
 +
disseminando briciole di te stessa
 +
 +
in quella dimora
 +
 +
che diventa tua prigione.
 +
 +
Donna,
 +
 +
che seduta sul confine della follia
 +
 +
hai lasciato una carezza
 +
 +
ad un figlio che moriva.
 +
 +
Donna
 +
 +
che, pur nello strazio e nel dolore,
 +
 +
continui a sorridere alla vita
 +
 +
spiccando il volo con la fantasia
 +
 +
….verso il cielo infinito.
 
[[Categoria:Poeta]]
 
[[Categoria:Poeta]]
 
[[Categoria:Poeta Accreditato WikiPoesia]]
 
[[Categoria:Poeta Accreditato WikiPoesia]]

Versione delle 18:12, 30 apr 2020

Livia De Pietro

Livia De Pietro è nata a Palma Campania (Napoli) nel 1942.

Laureata in Lettere e filosofia, esperta in didattica della poesia.

Già professoressa di Lettere.

Il suo libro di testo “Produrre poesia nella scuola dell’obbligo”, divulgato nelle scuole, è servito ad accostare alla poesia una larga fascia di giovani la cui produzione ha raccolto in quaderni  costituenti la collana “ Poeti contemporanei”ed. Edi - Press. Roma

Il libro di poesie “ Brividi di solitudine” ed. Spada, pubblicato nel 1986 è stato esposto alla Mostra del libro presso Palazzo Venezia, insignito di numerosi premi. (tra cui I classificato al premio di poesia: Primavera Strianese)

Impegno culturale

Nel 1984 Cofondatrice del circolo Mopoeita (Movimento per la diffusione della poesia in Italia), ha organizzato per un decennio iniziative poetiche presso la sede del Centro Letterario del Lazio in via Merulana di Roma.

Fondatrice, nel 1985, dell’A.R.P.A. (associazione romana poeti-artisti) di cui è stata responsabile fino al 1991, svolgendo un ruolo di promozione formativa nel proporre molteplici e vitali iniziative culturali in collaborazione col Ministero della Pubblica Istruzione. Ha curato la pubblicazione dei lavori prodotti per i quali è stata insignita di attestato di merito da parte dell’Unicef con la seguente motivazione: “Per la sua opera rivolta a sensibilizzare i giovani ai valori della pace”- teatro Don Bosco- Roma 1995. Successivamente nominata “Ambasciatore di pace”.

E’ stata promotrice di iniziative su temi di interesse generale, in particolare sull’informazione, come il tema-concorso: “La libertà di stampa e la pluralità dell’informazione”, a carattere nazionale, rivolto agli studenti degli istituti superiori e svolto in collaborazione con Tullio De Mauro per due anni consecutivi.

E’ stata promotrice-conduttrice del progetto: “Prevenire le morti del sabato sera” della durata triennale, realizzato negli istituti superiori del XVI distretto scolastico in collaborazione con la Motorizzazione civile di Roma con manifestazione finale presso la sala-cinema dell’VIII Municipio del Comune di Roma.

E’ stata promotrice, a livello istituzionale in quanto presidente della comm.ne Scuola dell’VIII municipio, di attività culturali specifiche come: tavole rotonde, convegni sulla dispersione scolastica, bullismo e disagio giovanile, seminari di formazione, mostre e ideatrice-conduttrice del progetto biennale “ Anziani - giovani insieme” in collaborazione con la Regione - Umbria.

Ideatrice e organizzatrice della Mostra di cento presepi presso il teatro di Torbellamonaca in Roma.

In veste di responsabile del  settore-urbanistica- ambiente del municipio VIII, ha collaborato attivamente per la realizzazione della giornata mondiale della gioventù a Torvergata nell’anno 2000.

Specializzata nella didattica di genere, è stata relatrice per 5 anni consecutivi dell’attività seminariale dei convegni “Stanche di subire” rivolta agli insegnanti e studenti degli istituti superiori dell’VIII Municipio curandone la pubblicazione degli atti.

Ideatrice- conduttrice del progetto di formazione “Donne e infanzia : due dimensioni del mutamento sociale” rivolto a 50 donne residenti nel municipio VIII.

Collaboratrice esterna dell’associazione M.A.R.E.L. si occupa di didattica della poesia organizzando su tale tematica corsi di aggiornamento rivolti agli insegnanti.

Attualmente collabora attivamente con l’ASSOCIAZIONE  M.A.R.E.L. il cui obiettivo è la ricerca e la valorizzazione dei giovani talenti a stretto contatto con Dacia Maraini.

Organizzatrice di due premi letterari internazionali a scadenza annuale: “Speciale donna” e “Speciale infanzia” per mantenere vivo il ricordo della figlia Mariella, deceduta nel 2005 per una forma di tumore raro.

Membro effettivo dei circoli di lettura delle biblioteche di Roma, svolge il ruolo di  recensitrice, curando l’aspetto didattico di ciascun libro recensito.

Membro effettivo della giuria del premio “Strega”.

Membro effettivo della giuria del premio “Biblioteche di Roma”.

Curatele

  • Nel 1989 ha curato l’antologia di poeti e narratori contemporanei (I e II volume) Edi Press.
  • Curatrice della collana di libri “ Semplicemente M.A.R.E.L.”
  • Collabora con diverse case editrici per redigere la prefazione a libri di poesia editi dalle stesse.

Libri

  • Il libro di poesie “Pulviscolo” con prefazione di Ada Capuana, presentato al teatro “Quirino” ha ricevuto numerosi riconoscimenti
  • Il libro “Ora che non ci sei più” in prosa e con una raccolta di poesie, dedicato alla memoria della figlia Mariella, è stato accolto dal Museo diaristico nazionale

Premi (elenco parziale, primi posti)

2006

  • Concorso di Poesia indetto dal coordinamento donne dell’VIII Municipio “A sessant’anni dal voto alle donne” con la poesia “Donna”

Poesie pubblicate su WikiPoesia

Donna

Negli occhi la speranza

che illumina il tuo volto

nel buio d’una stanza

di un passato di paure

che ti volle sempre sola,

sempre schiava

d’un Dio, che era uomo.

Donna

in cammino su questa terra

col tuo pesante fardello

dove indifferenza

discriminazione, oppressione

hanno solcato il tuo destino

nel tracciato  della renitente vita.

Donna

che doni il tuo cuore

disseminando briciole di te stessa

in quella dimora

che diventa tua prigione.

Donna,

che seduta sul confine della follia

hai lasciato una carezza

ad un figlio che moriva.

Donna

che, pur nello strazio e nel dolore,

continui a sorridere alla vita

spiccando il volo con la fantasia

….verso il cielo infinito.