Differenze tra le versioni di "Viaggio nelle radici"

Da WikiPoesia.
Jump to navigation Jump to search
 
(Una versione intermedia di uno stesso utente non è mostrata)
Riga 5: Riga 5:
 
<poem style="border: 2px solid #d6d2c5; background-color: #f9f4e6; padding: 1em;">
 
<poem style="border: 2px solid #d6d2c5; background-color: #f9f4e6; padding: 1em;">
 
'''Viaggio nelle radici'''
 
'''Viaggio nelle radici'''
 +
 
Passeggera  
 
Passeggera  
 
nel treno solitario della memoria  
 
nel treno solitario della memoria  
Riga 103: Riga 104:
  
 
*[[Premio Letterario di Poesia e Narrativa Città di Arcore]], 2015
 
*[[Premio Letterario di Poesia e Narrativa Città di Arcore]], 2015
*Silloge “Il Viaggio”, [[Oceano Edizioni]] 2016<br />
+
 
 +
==Pubblicazioni==
 +
 
 +
*Tratta da silloge “Il Viaggio”, [[Oceano Edizioni]] 2016
 +
*''Tratta da silloge'' "Oblaci i tišina" (Nuvole e silenzio), [[Oceano Edizioni]], 2017<br />
  
 
[[Categoria:Poesie premiate]]
 
[[Categoria:Poesie premiate]]

Versione attuale delle 19:59, 20 set 2019

di Maria Teresa Infante

(Italiano e Serbo)

Viaggio nelle radici

Passeggera
nel treno solitario della memoria
ripercorrevo strade e sentieri
contromano
mentre l’odore antico
della quercia
sferzava il volto
e insieme il mio ricordo.

E quanti viaggi
senza contare il tempo
che cicatrici ancora
ho tra le dita
e il desiderio dell’anima ribelle
che si bruciava
al sole di settembre.

Nuda viandante senza partire mai
forestiera mi son sempre sentita
mentre ballavo la pizzica di piazza
o recitavo i salmi nelle chiese
stringendo l’urlo che dilaniava il petto.

E ne ho mangiato pane
della mia terra amata
e ho calpestato vigne
bevendone il suo sangue

ma ora torno a casa

un girasole stanco
che a sera china il capo
un daino spaventato
che fugge ad un fruscio
un’aquila che plana
senza trovar dimora.

Eppure sono a casa

esule senza patria
stretta alle mie radici.


Put ka korenima

Putnica
u usamljenom vozu memorije
prolazila sam puteve i staze
suprotnim pravcem
dok je stari miris
hrasta
šibao lice i moje sećanje.
 
I koliko putovanja
a da ne brojim vreme
i ožiljke koje
imam između prstiju
i želje neposlušne duše
što je gorela
na septembarskom suncu.
 
Gola lutalica bez da ikad krenem
stranac sam se uvek osećala
dok sam na trgu igrala pizziku
ili recitovala psalme u crkvi
gušći u grudima urlik što razdire.
 
I najela sam se hleba
moje voljene zemlje
i gazila po lozi
pijući njenu krv
 
ali sada se vraćam kući
 
kao jednan umoran suncokret
koji uveče spušta glavu
jedna uplašena srna
što beži i na sam šum
jedan orao što sleće
a da nije našao uporište.
 
A ipak sam kod kuće
 
izbeglica bez domovine
vezana za moje korene.



Premi

Pubblicazioni