Modifiche

nessun oggetto della modifica
Riga 1: Riga 1:  
[[File:Joan Josep Barceló i Bauçà.jpg|miniatura|'''[[Joan Josep Barceló i Bauçà]]''']]
 
[[File:Joan Josep Barceló i Bauçà.jpg|miniatura|'''[[Joan Josep Barceló i Bauçà]]''']]
'''Joan Josep Barceló i Bauçà è nato ''' Palma di Maiorca - Spagna, il 22 febbraio 1953.  
+
'''Joan Josep Barceló i Bauçà''' è nato a''' '''Palma di Maiorca - Spagna, il 22 febbraio 1953.  
    
Vive a Palma di Maiorca. Ha studiato scienze umane e scientifiche nelle Università di Barcellona, Isole Baleari, Madrid e Londra. È autore di numerosi libri di poesia in catalano e italiano. Sviluppa uno stile caratterizzato dal surrealismo e dall'astrazione, con riferimenti a un mondo onirico e mitico, spirituale e carnale, alla ricerca di un concetto rivoluzionario. Ci parla della terraferma e del blu dell'oceano Artico e paesaggi polari in svalbard, seguendo le caratteristiche di un universo in cui la parola diventa il soffio di un nuovo tempo e si trasforma in carne cruda per diventare un mare di tempeste nella notte. Luce e oscurità dominano il linguaggio finché il desiderio è la scintilla del fuoco e solo la vita può sopravvivere in un'emergenza improvvisa. La ricerca di un infinito ci rende nomadi che cercano un attimo di tenerezza, un desiderio di trovare gli unici esseri che hanno le chiavi di persistenza per aprire il cosmo e per renderci i collegamenti covalenti di una vita che va oltre la stessa esistenza in un suicidio mafico della stessa parola, così che la poesia prende la forza del tempo e diventa una furia di sangue e ci permette di vivere più intensamente e di rinascere dopo dal grembo della madre di cui siamo tutti figli tra scintille di elettronegatività.
 
Vive a Palma di Maiorca. Ha studiato scienze umane e scientifiche nelle Università di Barcellona, Isole Baleari, Madrid e Londra. È autore di numerosi libri di poesia in catalano e italiano. Sviluppa uno stile caratterizzato dal surrealismo e dall'astrazione, con riferimenti a un mondo onirico e mitico, spirituale e carnale, alla ricerca di un concetto rivoluzionario. Ci parla della terraferma e del blu dell'oceano Artico e paesaggi polari in svalbard, seguendo le caratteristiche di un universo in cui la parola diventa il soffio di un nuovo tempo e si trasforma in carne cruda per diventare un mare di tempeste nella notte. Luce e oscurità dominano il linguaggio finché il desiderio è la scintilla del fuoco e solo la vita può sopravvivere in un'emergenza improvvisa. La ricerca di un infinito ci rende nomadi che cercano un attimo di tenerezza, un desiderio di trovare gli unici esseri che hanno le chiavi di persistenza per aprire il cosmo e per renderci i collegamenti covalenti di una vita che va oltre la stessa esistenza in un suicidio mafico della stessa parola, così che la poesia prende la forza del tempo e diventa una furia di sangue e ci permette di vivere più intensamente e di rinascere dopo dal grembo della madre di cui siamo tutti figli tra scintille di elettronegatività.
Riga 63: Riga 63:     
*Premio Internazionale di Poesia e NarrativA Nika Turbina.  Sezione Sillogi:  Primo Classificato “drommeoya”. Arese (MI) 
 
*Premio Internazionale di Poesia e NarrativA Nika Turbina.  Sezione Sillogi:  Primo Classificato “drommeoya”. Arese (MI) 
 +
*[[Premio di Poesia Isola d’Elba "Ascoltando i Silenzi del Mare"]]
    
==Intervista pubblicata su WikiPoesia==
 
==Intervista pubblicata su WikiPoesia==