Apri il menu principale

Angioletta Masiero

Angioletta Masiero è Giornalista pubblicista, recensore critico d’arte e critico letterario, poetessa, scrittrice, attrice, sceneggiatrice e regista teatrale.

Promotrice di premi letterari nazionali e internazionali tra i quali:

Come autrice di poesia e di narrativa tanto in lingua che in dialetto veneto ha ottenuto oltre trecentocinquanta primi premi in altrettanti concorsi. All’età di quindici anni è stata tra i finalisti del prestigioso concorso “Lerici-Pea” e, successivamente, ha vinto tanti diversi premi in giurie presiedute da Mario Luzi, Andrea Zanzotto, Ugo Stefanutti, Vittorio Messori, David Maria Turoldo, Luigi Montobbio, Vittorio Vettori, Marco Guzzi, Stefano Valentini.

Impegnata come attrice e voce recitante in contesti poetici e teatrali. Ha studiato recitazione, dizione poetica ed espressiva sotto la guida del noto attore Giorgio Albertazzi. Alcuni testi poetici della Masiero sono stati musicati dalla cantautrice milanese Patrizia Cirulli.

Autrice di saggi, libri di narrativa e raccolte di poesie in lingua e in vernacolo vincitori di prestigiosi concorsi letterari nazionali. Nel 2002 numerosi suoi testi poetici sono stati selezionati dal Centro Studi “Arcipelago Musica” di Milano presieduto dal maestro compositore Pippo Molino ed inseriti in un CD Rom dal titolo “Agli incroci del sentiero- Poeti e Compositori d’oggi” a cura della Regione Lombardia.

Nel 1994 è stato conferito dall’assessorato alla cultura del comune di Rovigo il Premio “San Francesco” per meriti letterari.

Nel 2001 il comune di Porto Viro (Commissione Pari Opportunità e Assessorato alla Cultura) ha premiato Angioletta Masiero quale “Donna Polesana che si è distinta nel settore artistico e letterario”.

Nel 2017 è stata nominata presidente dello storico circolo culturale “Gruppo Autori Polesani”.

E' Co-Fondatrice di WikiPoesia.

Indice

Impegno sociale

Ha iniziato giovanissima ad occuparsi di volontariato essendo suo padre tra i fondatori della sezione provinciale polesana dell’Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare. In seguito è stata nominata presidente provinciale della storica sezione di Rovigo, sezione che presiede da ventisei anni. Nominata anche referente provinciale Telethon, la Masiero organizza mostre d’arte, concorsi letterari, presentazioni di libri a favore di Telethon. Per oltre vent’anni ha realizzato progetti sostenuti dalla Regione Veneto per soggiorni marini e montani in villaggi senza barriere per giovani miodistrofici. Attualmente organizza centri di raccolta fondi a favore dell’Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare e di Telethon nel corso della Campagna di Primavera e della Maratona Rai per combattere la Distrofia Muscolare e le altre malattie genetiche rare.

Inoltre, tiene incontri nelle scuole per sensibilizzare i più giovani riguardo alle tematiche dell’handicap in generale e della Distrofia Muscolare in particolare, promuovendo la solidarietà nei confronti dei diversamente abili.

Romanzi

Nel maggio 2019 il suo romanzo “Tango del burligiù” risulta tra i premiati al Concorso Letterario Nazionale “Alda Merini”. Il romanzo “Tango del burligiù” (ed. Mediagraf) risulta tra i premiati al Premio Nazionale “Alda Merini” 2019 per la narrativa. La stessa opera viene presentata alla stampa alla 76 Mostra del Cinema di Venezia in forma di spettacolo multimediale. La Masiero è autrice della sceneggiatura e cura la regia dello spettacolo. La prima nazionale ha avuto luogo con grande successo il 6 ottobre 2019 nel Teatro Comunale “Martini” di Trecenta.

Attività giornalistica

ha pubblicato oltre seimila articoli, recensioni, interviste e collaborato per venticinque anni al periodico “Quadrivio”, “La Settimana”, il “Corriere di Rovigo”, “Tribuna Letteraria”. Da anni conduce rubriche radiofoniche culturali e sociali per emittenti private. Attualmente è ideatrice e conduttrice della rubrica “Palpiti d’Arte“  nella web radio “Radio bluetu” dove conduce interviste ad artisti, scrittori, musicisti, cantanti, attori, registi.

Nel 2014 l’Ordine dei Giornalisti del Veneto le ha conferito la Medaglia d’Argento per i trentacinque anni di attività giornalistica.

Premi (elenco parziale, primi posti)

  • “Rosetum-Città di Milano”, la cui commissione giudicatrice era presieduta da Vittorio Messori;
  • “Città di Mestre” presieduto da Mario Luzi;
  • “Formica Nera-Città di Padova”;
  • Il Premio Nazionale “Arquà Petrarca” presieduto dal Magnifico Rettore Università di Padova;
  • il Premio Nazionale “Antonio Bettanin” presieduto da Gian Antonio Cibotto.
  • Nel febbraio 2019 la commissione giudicatrice presieduta dal ch.mo prof. Gian Paolo Marchi ordinario emerito di letteratura italiana e già preside di facoltà all’Università di Verona ha assegnato il primo premio assoluto per una lirica in lingua veneta al Concorso Letterario Nazionale “Luciano Nicolis” (Vr) ad Angioletta Masiero.

Pubblicazioni

  • “Donne Polesane nella Resistenza” (saggio)
  • “Tre voci”  poesie (1980)
  • “Cronache d’anima” (Poesie in lingua , 1982)
  • “La spada di Erode” poemetto (Premio Unicef)
  • “El Polesine ‘sconto” (Turismo e Cultura, Poesie in dialetto veneto , 1993) Premio Atheste
  • “Le stagioni del tarabuso (Editrice La Galiverna, racconti) , Premio Nazionale “Francesco Petrarca” 1992
  • “Il sasso e la memoria” (Editrice La Galiverna, Poemetto con nota introduttiva di Andrea Zanzotto, 2001)
  • “Al tocco della parola” ( Panda Edizioni, saggio)
  • “Tango” (Editrice La Galiverna, Poesie, 2011)
  • “Vino e Poesia” ( Mediagraf, 2017, poesie)
  • “Grandi cantanti liriche del Polesine fra 800 e 900” ( saggio pubblicato nel volume  “La Terra delle meraviglie”, Faust Edizioni, 2019)
  • “Tango del burligiù” ( romanzo, edizioni Mediagraf, 2018, Premiato al concorso letterario Nazionale “Alda Merini” 2019
  • “Respiro d’Amore” ( antologia poetica, Doge Edizioni, 2020)
  • Liriche di Angioletta Masiero sono state musicate dal compositore ungherese Peter Huzella e inserite nello spettacolo “ Viaggio tra vino, poesia e musica”.
  • Presente nel Catalogo a cura dell’Accademia dei Concordi e del Soroptimist di Rovigo “Donne Polesane Letterate Illustri dal 500 ai nostri giorni”, 2019.

Note